Eco Recycling

Italiano

Eco Recycling è una società creata nel 2008 da ricercatori universitari e da due PMI impegnate nel riciclaggio e nel trattamento dei rifiuti industriali. L'obiettivo iniziale di questo spin-off è stato il trasferimento tecnologico di un nuovo brevetto sviluppato per riciclare le batterie esaurite alcaline. Questa attività è stata poi estesa alla valorizzazione di altri rifiuti come catalizzatori esausti, RAEE e altre batterie esaurite. Il project manager del progetto LiBat è la prof.ssa Francesca Pagnanelli.

MISSIONE E ATTIVITÀ:
Sviluppo di processi innovativi, progettazione di processi e impianti, assistenza all'avviamento, gestione e addestramento del personale, analisi chimiche per il controllo ambientale e ottimizzazione dei processi.

PROGETTI E FINANZIAMENTI
Progetto "Green Batteries" finanziato dal MIUR (Ministero dell'Istruzione Italiano): processo idrometallurgico per separare zinco e manganese da batterie alcaline esauste (EP 1684369 A1 20060726).

Progetti "HydroWEEE" e "HydroWEEE Demo" cofinanziati dal programma europeo FP7: processi HYDROmetallurgici innovativi e progetti dimostrativi per il recupero di metalli dai RAEE comprendenti lampade e batterie (EP 2450991A1).

Progetto "Photorec" cofinanziato dalla "Regione Lazio": sviluppo di un processo di riciclaggio per pannelli fotovoltaici.

Progetto "NANOHYDRO" cofinanziato da Filas: processo per produrre nanoparticelle di metalli utilizzando la soluzione lisciviata dai trattamenti idrometallurgici RAEE.

Progetto "PHOTOLIFE" cofinanziato dal programma LIFE dell'UE: processo e impianto pilota automatizzato per il riciclaggio simultaneo e integrale di diversi tipi di pannelli fotovoltaici.

Progetto "MEMBER" cofinanziato dal programma europeo H2020: membrane avanzate e processi a membrana per l'acquisizione di CO2 pre- e post-combustione.

Progetto "ORIFO" cofinanziato dal "Ministero dell'Ambiente": ottimizzazione di un trattamento a rifiuto zero per il riciclaggio di moduli fotovoltaici a fine vita.